Ahab - The Giant


Label : Napalm Records
Year : 2012
Genre : Doom Metal
Sentence : Profondo Blu [7.5]

Roba difficile quella degli Ahab. La band è tra le principali della scena Doom più funerea e monolitica, si è fatta conoscere grazie ai due ottimi lavori precedenti a questo The Giant. La band continua a non smuovere una virgola lungo il suo tragitto, in questo The Giant ci sono maggiori echi classicisti e meno stacchi plumbei ma il risultato alla fine è sempre quello. Va dato merito perchè questa è musica difficile da suonare e da scrivere, eh già andare a 240 bpm non fa di voi dei gran chitarristi, comunque, il coefficiente di difficoltà dell'ascolto è assai alto ma tutto viene reso più facile dall'imboccata iniziale di Further South, una traccia tutto sommato molto godibile senza particolare ripetuti ascolti. Tutto poi sfuma nel nero più corvino e nel mare più abissale sino a toccare punte remote del non ritorno in Antarctica The Polymorphess. Risalita in superficie con Fathoms Deep Blue che tra arpeggi e movimenti vari rialza l'asticella dell'ascolto su soglie umanamente comprensibili. Conclude il tutto la title track che in modo energico pone la parola fine a quest'ultima mastodontica fatica dei tedeschi.
E' un bel cd che ha un carattere raffinato e posato (arpeggi e clean vocals) ma che sa anche dosare a giusta quantità rabbia ed inquietudine, guarda dentro gli animi e scruta nel profondo abisso, colpisce in tanti punti e modi diversi l'ascoltatore. E' globale nel percorrere atmosfere e movimenti più progressivi, figlio di una visione di insieme sicuramente poco comune oggi giorno nel Metal.
Manca giusto un po di misticismo e stupore colpa del fatto che il nome si è consolidato, manca quell'alone di novità che copriva la loro proposta, un fattore non indifferente ma che comunque incide nell'ascolto del cd.




2 commenti:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...