Hallow - Hallow



Label : Self produced
Year : 2012
Genre : Funeral Doom Metal
Sentence : Dustsceawung [7.5]

Gruppo assai misterioso questi americani Hallow. Pensate che non hanno un sito e tutti i contatti del gruppo si gestiscono via mail, la quale tra l'altro non ha neanche il nome del gruppo. L'anti-merchandise fatti gruppo. Non a caso se vi capiterà mai in mano questo disco (o secondo alcuni una demo, secondo me è un disco perché cazzo dura 40 minuti, io una demo di 40 minuti non la concepisco) capirete che sono degli integralisti assoluti del Funeral Doom.
Infatti ben lungi dagli inserti tastieristici di gruppi come gli Skepticsm o dal virtuosismo degli ultimi Mournful Congregation e dalle atmosfere prog dei Pantheist, il loro Funeral sembra rifarsi ad una visione primitiva e ultrarallentata del Death Doom propria ad esempio di altri gruppi americani come gli Aldebaran o gli Asunder (se questi ultimi non avessero avuto il violoncello). Il CD consiste di sole due canzoni, Dustsceawung e Tala Tungena della durata di circa venti minuti l'una. Dai titoli non ero riuscito minimamente ad intuire la provenienza geografica del gruppo, ma in realtà nonostante suonino strano è inglese, certo non l'inglese di oggi ma quello medioevale arcaico e Dustsceawung significa "Contemplazione della Polvere" mentre Tala Tungena significa "espressioni delle lingue". L'uso dell'Old English per i titoli (e quini plausibilmente) anche per i testi rimanda ovviamente a gruppi della prima scena inglese del Death Doom, ad esempio ai My Dying Bride, che spesso hanno fatto uso di un linguaggio molto arcaicizzante. Ma al di là di queste curiose questioni linguistiche (che comunque hanno la loro importanza) quello che colpisce veramente è la qualità dei pezzi: sono infatti qualcosa di mortale, un cantilena micidiale che lentamente distrugge tutto: lead sfibranti, stacchi ansogeni, parti acustiche truffaldine e linee vocali sofferenti sempre in bilico tra il growl e lo scream. Che dire se è davvero una demo non posso fare che i complimenti al gruppo per un esordio così brillante!
[Giorgio Gubbiotti]

5 commenti:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...