Neurosis - Honor Found In Decay


Label : Neurot Recording
Year : 2012
Genre : Post Hardcore/Post Metal
Sentence : A Broken Heart [5.5]

Criticare i Neurosis è penso una delle cose che nessuno fino ad oggi ha mai fatto.
Ci penso io, non vi preoccupate.
Amo Through Silver In Blood e ritengo molti dei suoi successori siano cd visionari, l’ultimo Given To The Rising , per dire, era decisamente troppo lungo e dilatato ma aveva un bel carattere e soprattutto metteva bene in mostra un song writing mostruosamente complesso.
Honor Found In Decay è forse il loro cd meno hardcore di sempre, estremamente 70's per la scelta degli effetti, estremamente ridondante e riflessivo, praticamente ambient in molti tratti.
Le urla prolungate ed incessanti dell’opener We All Rage In Blood vengono successivamente abbandonate nelle altre canzoni per da spazio alla psichedelia dato che come detto c'è un improvviso interesse per quel climax space rock 70's, un po progressive un po ambient.
All Is Found...In Time, come Bleeding The Pigs, a parte qualche arpeggio è batteria e synth, grande carestia d'idee in questi due episodi.
Raise The Dawn è una pachidermica marcia finale liberatoria e opprimente allo stesso tempo ma troppo tardi arriva per risollevare i morali del cd.
My Heart For Deliverance riunisce gli elementi citati ma fa quasi ridere per l'interpretazione vocale data e il riffing quasi southern, una sorta di ballata malinconica velata d'hardcore, 'na schifezza.
Stiamo quindi sempre descrivendo una evoluzione e conoscendo la band non poteva essere altrimenti dopo 5 anni, non lasciano mai due volte lo stesso segno, si sa, e qui si riconfermano, ma l’approccio su questo nuovo lavoro pare veramente troppo rudimentale, dopo At The Well (assoluta Hit del cd) non vale quasi più la pena proseguire l’ascolto.
Se vogliamo trovare un pregio a Honor Found In Decay sta nel fatto che si ascolta abbastanza bene, molto più scorrevole di altri lavori.
5 anni di assenza per 7 tracce è il sintomo che qualcosa nella band non funziona più come prima, un po’ di svogliatezza e noia, un po’ la voglia di fare il compitino, un po’ la passione per i progetti esterni della band (il cd solista di Scott Kelly, e Jason Roeder alla presa con i vari tour degli Sleep).
Questi non sono i migliori Neurosis.



4 commenti:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...