RieXhumation - No Mercy for the Weak


Label : Indipendent
Year : 2012
Genre : Death Metal
Sentence : New Stuff from Italy [6.0]

Sono sempre molto attento e vicino ad ogni uscita Death della nostra penisola, uno per orgoglio e due perchè mi piace scovare nuovi potenziali Big.
Oggi tocca ai RieXhumation che da Brescia si presentano col demo No Mercy for the Weak disponibile in download gratuito qui. La band non pretende di fare rivoluzione nella scena, vuole suonare in modo buono e discreto il genere, divertirsi in una parola. No Mercy for the Weak ha tutti i pregi e difetti del primo demo.
Soffre di un song writing troppo scontato ed in molti tratti non azzeccato, nella lunga e finale Visceral Derangement qualche pezzo poteva essere limato o tagliato anche se nel complesso è un bella traccia, la prima metà è veramente ottima. La schematicità non gioca a loro favore, il ripetersi del riffing in Self Deification per molti giri non favorisce le dinamiche della batteria che non riesce a trovare fill ideali e passaggi che diano varietà, questo anche per colpa del riffing come dicevo un po troppo statico.
Non c'è materiale da buttare perchè brutto o scadente ne tanto meno perchè prodotto male, assolutamente, stiamo parlando di una proposta acerba e di materiale anche figlio dell'inesperienza.
Till Death Rip Us Apart alla fine dei giochi si rivela la migliore grazie ad un paio di rallentamenti veramente truculenti e marcissimi e a ripartenze al tritolo dove non vorrei enunciare cazzate ma il blast pare leggermente fuori tempo.
Carcass Left To Die invece è il classico Mid Tempo e qua non vorrei ancora dire cazzate ma pare che la batteria soffri di qualche ritocco in studio con un volume del pedale insolitamente alto rispetto le altre canzoni. Vabbè, nel complesso il riffing convince a pieno e anche le ritmiche vocali sono azzeccate, traccia promossa. Flames Of Hate invece è l'anello debole del cd insieme a Self Deification,le soluzione e le dinamiche proposte se pur ben studiate fanno perdere un po il filo del discorso e qualche passaggio sa decisamente troppo di Cannibal Corpse, sai di averlo già sentito se sei fan della band, ecco, salviamo solo il Chorous verso i 2 minuti ma cancelliamo dalla memoria l'assolo dopo.
Consigli per il futuro : mettere assoli perchè hai idee e non tanto per metterli, la sezione solista è molto fragile ed insicura e solo un assolo e mezzo in tutto il lavoro è scritto con criterio. Sicuramente aumentare e plasmare le influenze, non ci si può basare solo su Cannibal Corpse, Obituary e Morbid Angel. Per il resto c'è la volontà, c'è la dedizione, c'è la passione e la giusta attitudine per fare Death Metal non che un livello tecnico medio accettabile.

1 commenti:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...